La leggenda racconta che gli spiriti di chi è morto durante l’anno tornano indietro la notte del 31 ottobre in cerca di un corpo da possedere. Il terrore scorre nelle vene dei vivi che non vogliono essere posseduti, e che mettono in atto lo stratagemma di rendere le case indesiderabili e di mascherarsi da orribili mostri, per far scappare gli spiriti che potrebbero andare a cercarli.

Ma noi vogliamo dimostrare di essere coraggiosi e vi vogliamo proporre delle idee decorative carine per dare un tocco di Halloween alla casa. E quando si parla di Halloween qual è la prima cosa che viene in mente? Ovviamente la zucca, che può tra l’altro tornare utile in più modi.

Ma da dove arriva la tradizione della zucca?

Il folklore irlandese narra di Stingy Jack, un malfattore dedito all’alcool, che la notte di Halloween, dopo l’ennesima sbronza, incontrò il Diavolo intenzionato a impossessarsi della sua anima. Jack chiese al Diavolo di concedergli di bere un ultimo bicchierino e lo pregò anche di trasformarsi in una moneta da 6 pence per poter pagare la consumazione. Ma Jack utilizzò questo stratagemma per fregare il Diavolo, e si mise la moneta, ossia il Diavolo imprigionato, in tasca. Per riottenere la libertà, il Diavolo accettò il patto di Jack che consisteva nel posticipare di un anno la sua morte. La notte del 31 ottobre seguente, il Diavolo si ripresentò ma Jack gli propose una scommessa: gli disse che avrebbe potuto prendere la sua anima solo se fosse riuscito a scendere da un albero. Il Diavolo accettò e salì su un albero, ma Jack incise sulla corteccia una croce che impedì al Diavolo di scendere giù.

Ma non finisce qui. Perché a quel punto Jack propose al Diavolo di cancellare la croce dietro la promessa di non tentarlo più, e il Diavolo accettò. L’anno dopo Jack morì e, arrivato in Paradiso, non lo fecero entrare per via dei tanti peccati compiuti in vita. Arrivato all’Inferno, gli fu negato di entrare anche lì per via delle tante prese in giro al Diavolo, il quale regalò a Jack un tizzone che gli illuminasse la strada nel limbo oscuro. Per far durare più a lungo il tizzone, Jack decise di inserirlo in una rapa svuotata per ricavarne una lanterna, che lo aiutasse alla ricerca della sua strada.

Da qui è nata la tradizione di utilizzare le zucche, soprattutto nella loro versione svuotata e illuminata nelle notti della vigilia di Ognissanti. E si spiega anche il perché vengano chiamate “Jack O’Lantern“. Ma perché le zucche e non le rape come narra la leggenda? In origine gli irlandesi usavano le rape, ma quando nel 1840 arrivarono negli Stati Uniti, scoprirono che le rape americane erano piccole, ma che le zucche erano grosse e facili da scavare.

E allora via libera alla fantasia, e addobbiamo la casa con questo divertente ortaggio che ben si presta ad essere decorato in tanti modi e stili diversi. Io ve ne propongo alcuni che trovo divertenti, ma anche eleganti ed originali.

Zucche oro, argento, rame e glitter

halloween zucca glitter

Zucche pizzi e merletti

halloween zucca pizzo

Zucche country

halloween zucca corde

Zucche con applicazioni e strasshalloween zucca strass

Zucche colour

halloween zucca colorata

Zucche black & white

halloween zucca bianco e nero

E per il tuo party di Halloween…

Volete un’idea per utilizzare la polpa della zucca che abbiamo recuperato per creare il porta bottiglie? Con la zucca possiamo preparare questo piatto sfizioso:

halloween zucca intagliata

Polpette di zucca con ripieno di formaggio

crocchette zucca formaggio

Gli ingredienti da preparare sono: 1kg di polpa di zucca, 3 uova, 150 gr di pangrattato, 100 gr di fontina a dadini, 150gr di parmigiano grattugiato, 50 gr di burro, farina bianca q.b, sale q.b, pepe q.b, olio per friggere q.b.

Per prima cosa dobbiamo tagliare la polpa della zucca a fette e farla cuocere in forno preriscaldato a 200 gradi per 45 minuti.

Una volta cotta va fatta riposare per una decina di minuti, e poi dobbiamo frullarla in un mixer.
Versiamo il tutto in una pentola e mescoliamo la zucca insieme al burro e il parmigiano grattuggiato per otterrete un composto asciutto. Aggiustiamo di sale e pepe, spegniamo, e appena il composto sarà tiepido, uniamo 1 uovo e metà del pangrattato, continuando a mescolare per bene. Raffreddato il tutto possiamo procedere a fare le polpettine, dentro le quali dobbiamo inserire un dadino di fontina. Modellate le polpettine vanno prima passate nella farina, e poi nell’uovo sbattuto con un pò di sale e pepe, e infine nel pangrattato. Friggiamole in abbondante olio di semi bollente, e scoliamole quando saranno ben dorate.

Buon appetito e buona festa di Halloween!